Tuesday, October 09, 2007

Grado e la Laguna

While I was in Italy, I went with my parents to Venice (see pictures to come) and to Grado, a beautiful little gem that resemble Venice if it wasn't for the extremely well kept buildings and less grand atmoshpere. It is mainly a vacation town, and my parents' best friends own an apartment in the centre of the town. I've never been there before, and I was amazed by it...
We also took a boat to a little Sanctuary in the middle of the lagoon, and watched a man on a boat that got stucked when the tide was too low and had to wait till 10pm to be able to leave. He didn't seem to be too distressed about it. Wouldn't be great if sometimes we could do the same? Stop the world around us for a while and listen to the sound of the sea and the birds and just wait...
----------------
Visto che sono una figlia degenere e torno a casa una volta ogni tre anni (che prometto non si ripetera'... nel senso che tornero' piu' spesso, non che non tornero' piu'!), ho voluto fare qualche bella gita con mamma e papa'. La mia meta principale e' stata Venezia (vedi foto successive), ma il giorno dopo abbiamo fatto tappa a Carlino e San Giorgio (Friuli) a visitare nonna, zii e cugini. Mi ha fatto uno strano effetto vedere tutti quanti, vedere le distese di campi, i fossi ai lati della strada, i cambiamenti e gli odori che riportano indietro tanti ricordi.
Il pomeriggio abbiamo incontrato Ada e Danilo (amici di mamma e papa') e siamo saliti su un barchettino per visitare il santuario della Madonna di Barbana vicino Grado.
La laguna di Grado ha dei colori molto particolari... marroni e grigi intensi e azzurri punteggiati di bianco. Tanti pali mettono in guardia le persone che si avventurano fuori dalla via segnata con le loro barche per via della bassa marea.

E non potevano mancare le foto di gruppo mentre aspettavamo che la barca ci riportasse a Grado. Ada e Danilo abitano a Trieste, ma hanno un bellissimo appartamento in centro storico a Grado. Non credo di esserci mai stata prima d'ora, ma la cittadina e' tenuta come un piccolo gioiellino e ricorda una mini Venezia per essere circondata dal mare (e' nella laguna che porta il suo nome). Ci sono tantissimi ristoranti e negozi e poche macchine, e sembra l'angolo ideale per una vacanza lontana dalla vita di tutti i giorni.

Un pescatore incauto si e' avventurato in una zona dove la marea e' scesa rapidamente, e la barca si e' arenata senza alcuna possibilita' di muoversi. Erano circa le sei e mezza quando e' successo, e il poverino avrebbe dovuto aspettare fino alle dieci per vedere la marea alzarsi e finalmente liberare la barca e ritornare sulla terra ferma. Lo abbiamo visto pisolare, rimettersi la maglietta, e aspettare. Aspettare. Qualcosa che ormai non si fa piu' nella vita senza pause di ogni giorno. Forse qualche volta dovremmo perderci nella bassa marea e lasciare che il mondo scorra veloce mentre noi ascoltiamo il rumore del mare e il canto degli uccelli.


No comments: