Sunday, October 14, 2007

Los Angeles e Nina

Ho deciso di mettere insieme delle foto molto diverse, ma credo ugualmente belle. Lo scorso fine settimana sono andata a trovare Saila a Los Angeles, e visto che non era mai stata in centro ho deciso di trascinarla con me per vedere cosa c'e' di interessante in mezzo allo smog e al traffico :)

Abbiamo parcheggiato di fianco alla Walt Disney Music Hall, che volevo vedere da molto tempo... Ha delle forme molto strane, e ti pare diversa a seconda delle angolazioni. Eccola qui. Credo mi piacerebbe assistere ad un concerto al suo interno.
Los Angeles e' davvero una piccola cappa di smog. La vedi da lontano non appena finisce Camp Pendelton guidando da San Diego e ti accompagna senza accorgertene ogni secondo della strada. Non sapevo cosa aspettarmi dal centro, e devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa (dal niente al qualcosa.. senza offesa per i Los Angelesi!). Ci sono alcuni palazzi persi nel mezzo dei negozi messicani e del traffico che meritano di essere visti... il Biltmore Hotel, Angels Flight (qui sotto, ovvero la ferrovia piu' corta del mondo!), e quello che ha sorpreso di piu' Saila (e anche me) e' stato il Bradbury Building... un perfetto sincronismo di ferri neri e caldi legni per l'interno di questo edificio commerciale che lascia senza parole.

Se pero' non fosse cosi' terribile guidare in mezzo a dieci o piu' corsie di traffico e se l'aria non fosse cosi' 'Blade Runner' irrespirabile, forse visiterei LA piu' spesso. Invece questo fine settimana mi ha visto passeggiare per Little Italy in San Diego mentre i Madonnari iniziavano i loro piccoli capolavori sull'asfalto per l'annuale Festa Italiana (che sembra piu' una fiera di paese dei tempi dei nonni...). E mentre mi godevo la pioggia (che qui e' una rarita' ed e' cosi' apprezzata che poesie sono scritte in suo onore!), Nina si e' lasciata fotografare mentre disfava il mio ordine appena fatto tra i giornali...

A proposito, se leggete e vi capita di voler cercare un magazine un po' alternativo, consiglio caldamente the Utne Reader http://www.utne.com/. Ha articoli super-interessanti e molto europei...

Ultimamente a Nina piace molto saltare sul piano piu' alto del mio scaffale in cucina ed appollaiarsi guardando il mondo dall'alto. Ho dovuto spostare le candele di vetro (e sperare che non mi faccia fuori la lampada blu che ancora resta in posizione...), ma ogni volta che salta prende la mira come se fosse una trapezista durante suo ultimo spettacolo. Resta poi a livello dei tuoi occhi (attenta a non farla arrabbiare allora!) e si fa guardare mentre lascia penzolare le zampine...

Tutto qui. A proposito, per chi mi ha chiesto notizie della mia Carta Verde, ho finalmente avuto una email del mio avvocato dicendo che l'immigrazione ha ricevuto il mio bel pacchetto con la domanda (e, non detto, che ci mettera' il suo bel sweet time per farmi sapere qualcos'altro...). Del tipo, "Si, siamo al corrente del fatto che lei ha fatto domanda, ma non sappiamo cosa dirle finche' non decidiamo di fare qualcosa in proposito"...:) In altre parole, ne sapevo come due mesi fa... Ah, che bello essere un legal alien negli Stati Uniti! (E finalmente posso dire di sapere in prima persona cosa diceva Sting quando cantava.. "I'm an alien, I'm a legal alien". E io che pensavo che si riferisse al suo sentirsi fuori posto perche' era un Inglese a New York. Che ingenua...)

1 comment:

elisa said...

ciao danielina...ma lo sai che dall'anno scorso che a Los Angeles ho visto anche io il Bradbury Building poi me lo sono ritrovato in un sacco di film...facci caso...e vedrai.
Anyway....bellissime foto..fai vedere agli americani quanto รจ bella la tua patria!!!!
loro venezia ce l'hanno solo a las vegas....